PASTA DI LEGNO

  • DEFINIZIONE

-Si tratta di una pasta di media densità,ottenuta con l’impiego
di farine di legno,colle,olio vegetale e solventi.
-Alberi che sono cresciuti con l’intenzione di raccogliere il legname da
utilizzare nella produzione di prodotti in carta mobili economici,
abbigliamento e cosmetici.

  • VANTAGGI

1-asciuga da sola
2-puo’ essere nobilitata con : -foglia d’oro
-vernici
3-costi inferiori del legno-uso di alberi recuperati dopo un disastro naturale

-alberi morti

-riciclo di oggetti in legno
4-facilita’ di lavorazione :Il pezzo finito non deve essere
levigato né prima né dopo lo
stampaggio e manterrà per sempre
la forma che ha ricevuto dagli
utensili. Eccezionalmente,
nel caso di superfici lucide
o ricoperte con fondi speciali,
per garantirne l’adesività, é
utile trattare la parte in
contatto prima di iniziare
lo stampaggio.
5-durezza e consistenza simili al legno vero

  • UTILIZZI

1-carta, cartone
2-restauro
3-oggetti stampati
4-articoli per la casa
5-tene da campeggio

PASTE

D-meccaniche
E-chimiche
F-chemimeccaniche
G– semichimiche

  • TECNOLOGIA PRODUTTIVA

1-la scortecciatura

la sminuzzatura chips

D-sono quelle ottenute con procedimenti che ricorrono all’impiego di sola
energia meccanica per vincere i legami esistenti fra le fibre nei vegetali.
Categorie di paste meccaniche: A-la pastalegno da sfibratori
 B-la pastalegno da raffinatori
 C-la pasta termomeccanica.

A-La pasta da sfibratori è ottenuta sfibrando i tronchetti di legno,scortecciati
e umidificati su delle molle abrasive. La pasta è composta da fibre lunghe,
fibre corte, fibrille e da elementi fini.Il legno generalmente impiegato
proviene da piante resinose (abete, pino) ma,specialmente in Italia,sono
impiegati legni di latifoglie (pioppo, betulla, salice).Il rendimento
“pasta/legno”al secco assoluto è molto elevato,nell’ordine del 90/95%.
B-La pastalegno da raffinatori è ottenuta dai trucioli(chips)di legno defibrati
in uno o più stadi in raffinatori a semplice e doppio disco.
VANTAGGIO:paste con caratteristiche meccaniche superiori a quelle da sfibratori
ciò è dovuto ad una minore degradazione delle fibre ed alla
possibilità di ottenere una frazione più elevata di fibre lunghe.
C-INNOVAZIONE:le caratteristiche meccaniche della pasta miglioravano se, prima
della loro introduzione tra i dischi del raffinatore, si
preriscaldavano i chips ad una temperatura superiore ai 100°C.
Sotto pressione determina un rammollimento della lignina.
Si ottiene cioè un rilassamento della lignina che costituisce
l’interfibra, il legno può così essere defibrato senza
danneggiare le fibre, producendo meno schegge.

E-sono quelle che sono state ottenute con processi che effettuano la scissione
dei legami esistenti fra le fibre facendo esclusivo impiego di energia chimica.

Con il processo chimico il legame di lignina fra le fibre del legno viene scisso da
opportuni agenti chimici che ne provocano la dissoluzione ad un punto tale da rendere
possibile la completa separazione delle fibre singole, ad esempio con una semplice
azione di spappolamento (polpaggio).
E’ evidente che l’azione dell’energia chimica, essendo molto selettiva (lignina),
determina l’ottenimento di una fibra fisicamente integra, chimicamente purificata,
molto flessibile in seguito all’eliminazione dello strato rigido esterno di lignina.

FG– comprendono quelle ottenute con procedimenti che per realizzare la
separazione delle fibre utilizzano energia chimica congiuntamente ad
energia meccanica.

L’energia meccanica invece non possiede le caratteristiche selettive dei reattivi
chimici per cui agisce indiscriminatamente sulla struttura del legno, dando rese
in pasta molto elevate, ma determinando nel contempo rotture indiscriminate su tutti
gli strati ed in tutte le posizioni delle pareti fibrose; gli elementi della pasta
risultante perderanno quindi gran parte della loro integrità originale mentre si sarà
rispettata in modo assoluto la loro composizione chimica.

I processi che oltre ad un trattamento chimico comportano anche un secondo trattamento
meccanico con l’impiego di macchinari di tipo speciale, vengono chiamati
chemimeccanici e semichimici.

 CARTA DA MACERO RECUPERATO

  • necessità diconservare il patrimonio forestale

-costi inferiori
-sistemi sempre più razionali e sofisticati per il trattamento delle fibre di recupero
-uso dei contenitori a perdere che consentono l’impiego specifico di fibre economicamente
e tecnicamente valide quali sono quelle ottenibili dai maceri.

  • ASPETTI NEGATIVI

-Proprietà fisiche inferiori a quelle delle corrispondenti fibre vergini.
-Bassa scolantezza dovuta alla presenza di parti fini che vanno ad ostruire gli
interspazi tra le fibre.
-Basso grado di pulizia in quanto alcune impurità sono separabili con molta difficoltà
e sempre in modo imperfetto dalle fibre.

  • ASPETTI POSITIVI

-risolve un grosso problema che è quello della raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani.

Quando chiedete a qualcuno cosa serve per fare una
buona sedia, quasi sempre vi risponderà
legno, pelle, plastica o forse ghisa per le sedie
da giardino. Ma nessuno nominerebbe la pasta di legno
quale possibile materiale concorrente. Tanto meno a
ssocerà il nome di Södra Cell, il principale fornitore
di pasta destinata al mercato europeo, alla
progettazione di mobili. Eppure, tra qualche anno,
il quadro potrebbe cambiare radicalmente.
Tutto è cominciato quando uno studente di ingegneria
in cerca di lavoro ha bussato alla porta di uno degli
studi di architettura e design più famosi della
Svezia, Claesson Koivisto Rune. Joakim Nygren possedeva
una laurea in progettazione meccanica, così, quando uno
dei soci dello studio ha lanciato un cartone per uova sul
tavolo e lo ha sfidato dicendogli di trasformarlo in
una sedia, la risposta di Nygren è stata: “Certo che
posso farlo.”

  • problemi della carta : fragilita’

2004 : pasta di legno con un 25% di acido polilattico o PLA, un polimero derivato dal mais.
a 167°C, la plastica incapsulava le fibre di carta.
risultato era un materiale che possedeva tutte le normali proprietà della cartae
in grado di tollerare cambiamenti in termini di peso e umidità.
resistenza del legno o della plastica dura, persino dell’acciaio
sedia per bambini : Dopo un anno e mezzo nasceva il primo prodotto DuraPulp, denominato Parupu
termine giapponese per carta la prima applicazione DuraPulp
biodegradabile,impilabile, non costosa e leggera.

  • ESEMPIO DI STAMPO PER : cornici , decorazioni

  • Fornasetti :sedia Lux Gstaad

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...