LA MOKA BIALETTI

Breve introduzione

La Moka è un dispositivo pensato per la preparazione del caffè creato da Alfonso Bialetti nel 1933. Il corpo è realizzato in alluminio, mentre le maniglie sono in bachelite.

 

Come si presenta:

La Moka è composta fondamentalmente da tre parti: caldaia, filtro e raccoglitore. Oltre alle tre componenti principali, la moka è dotata anche di una valvola a molla tarata in modo tale da evitare aumenti eccessivi di pressione, generalmente provocati da ostruzioni, che potrebbero far esplodere la moka. Quest’ oggetto possiede manici prodotti con bachelite che ha caratteristiche termoisolanti. Una guarnizione, infine, assicura la sicurezza dell’avvitamento tra raccoglitore e caldaia.

 

Come funziona:

Dopo aver posto la moka sul fuoco, si forma nella parte inferiore (caldaia) del vapore acqueo che resta in equilibrio con l’acqua sottostante alla pressione atmosferica. Aumentando la temperatura, aumenta anche la pressione del vapore acqueo (sommato alla pressione esercitata dal volume di aria presente nella caldaia): questa pressione viene esercitata sia sulle pareti della caldaia sia sulla superficie dell’acqua. Quando la pressione raggiunge il valore intorno a 1.2 atmosfere, la spinta sull’acqua è sufficiente a vincere la forza di gravitá e così acqua e vapore cominciano a risalire lungo l’unica via a disposizione, cioè il tubo del filtro. A questo punto l’ acqua e il vapore impregnano la polvere di caffè che quindi rilascia caffeina e le sostanze che danno gusto ed aroma al caffè. Infine con l’ aumento crescente di temperatura, e quindi di pressione nella caldaietta, vapore e caffè risalgono attraverso il cosiddetto camino per fuoriuscire ed essere raccolti nel raccoglitore.

 

Com’ è fatta:

Presine stampate in bachelite

La bachelite è una resina fenolica termoindurente che ha come componenti base il fenolo (derivante dal benzene) e la formaldeide. Spesso le bacheliti sono materiali compositi i quali, oltre alla propria matrice plastica, vengono addizionati con altri materiali come grafite o farina di legno oppure coloranti. Grazie all’ aggiunta di altri materiali le caratteristiche tecniche del materiale cambiano.Le bacheliti, a seconda degli elementi addizionati nella composizione ottengono come prodotto finito molti utilizzi a seconda delle caratteristiche acquisite, infatti possono avere caratteristiche termoisolanti, elettroisolanti; possono sostituire, grazie a colorazione e finitura, l’ ambra o altri materiali preziosi usati nella gioielleria; in bachelite vengono stampati anche i cruscotti delle auto.

Corpo in alluminio

La colata in sabbia è un processo di produzione industriale del tipo fusione. La prima fase consiste nella creazione di un modello di materiali vari, attorno a cui sarà costruita la forma. Solitamente, è previsto un piano di simmetria per l’apertura corretta della stessa senza danneggiare il modello. Appena la forma è (con tutte le necessarie anime e incavi per la geometria richiesta) si passa alla fase di immissione dell’ alluminio (in questo caso) per colata. Dopo la solidificazione il pezzo deve essere ripulito dalle imperfezioni e dai residui della fusione. Le forme utilizzate per la colata definite a perdere dopo l’uso vengono distrutte. Sono costituite in genere di materiali refrattari o di sabbie compattate.

Valvola in ottone

La valvola di sicurezza  è un dispositivo automatico avente un ingresso ed uno scarico, il cui scopo è quello di impedire che all’ impianto, contenente liquidi e/o gas e vapori (acqua e vapore in questo caso), possa essere sottoposto ad una pressione pericolosa. La valvola ha nella sua parte interna (lato ingresso) un boccaglio. Il profilo del boccaglio forma una sezione che man mano si restringe, e che raggiunge il valore minimo nella sua parte terminale interna. L’estremità del boccaglio forma un anello. Al di sopra di tale anello poggia un otturatore spinto da una molla. La superficie dell’otturatore che poggia sul boccaglio è rettificata, realizzando così una tenuta meccanica metallo su metallo. Quando la pressione sale la forza generata viene contrastata dalla forza esercitata dalla molla sull’otturatore. Quando la pressione cresce e la forza esercitata sull’otturatore supera quella esercitata dalla molla, l’otturatore inizia a sollevarsi e la camera interna perde pressione.

Filtro in alluminio

Il filtro è formato da due parti in alluminio stampato, la prima ha forma di imbuto per permettere una risalita controllata dell’ acqua con il vapore; la seconda parte è traforata in modo da distribuire i fluidi in maniera uniforme per imbibire uniformemente la polvere di caffè. Le due componenti si uniscono per semplice pressione.

Guarnizione

La guarnizione è in gomma alimentare e si posiziona nella parte bassa del raccoglitore a contatto con il filtro. Si tratta di un termoindurente stampato. Ora queste guarnizioni sono in silicone che ha caratteristiche di maggior durevolezza nel tempo e una maggior resistenza alle alte temperature (fino a 240°)

Sand casting

L’ alluminio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...